PRATO: L’Ospedale Santo Stefano ha molteplici problemi, pannelli che si staccano e sale operatorie inutilizzate

Poco più di tre anni fa-afferma Manuel Vescovi, Capogruppo in Consiglio regionale della Lega Nord e membro della Commissione Sanità-veniva inaugurato, in pompa magna, il nuovo ospedale di Prato.” “Una struttura-prosegue il Consigliere-che si è rivelata carente specialmente nel numero di posti letto a disposizione dei pazienti, palesemente insufficienti, senza dimenticare il fatto che alcune sale operatorie ad oggi sono inutilizzate e l’altro giorno si è pure staccato il pannello da un soffitto che, solo per un caso, fortunatamente, non ha colpito la persona che si stava sottoponendo ad un esame.” “In pratica-precisa l’esponente leghista- il nosocomio pratese presenta diverse criticità che creano, ovviamente, continue difficoltà ai cittadini che si recano nella predetta struttura.” “Insomma-conclude Manuel Vescovi-ci auguriamo che la promessa d’incrementare di 100 posti il Santo Stefano, si concretizzi rapidamente e non si perda nei soliti rivoli di una deleteria e macchinosa burocrazia.