PISTOIA: Inaccettabile che una persona debba aspettare un’eternità per un esame diagnostico, emblematico l’ultimo caso successo

Con le cronache giornalistiche dedicate ai casi di malasanità in Toscana-afferma Manuel Vescovi, Capogruppo in Consiglio regionale della Lega Nord e membro della Commissione Sanità-si potrebbero riempire pagine e pagine di un libro che potrebbe essere molto istruttivo per chi ha responsabilità politiche in questo campo. “ L”ultimo episodio, ahimè, come detto di una lunga serie-prosegue il Consigliere è riportato dal “Tirreno” che segnala la storia di un invalido totale che per una Moc a Pistoia, dovrebbe aspettare addirittura fino all’ottobre del 2018….” “Lunghissimi mesi d’attesa, dunque-precisa Vescovi-che renderebbero ancora più problematica la vita di questo sfortunato cittadino.” “L’unica scelta, in questi casi-rileva l’esponente leghista-è utilizzare una struttura privata, quindi a pagamento, cosa che lo sfortunato protagonista di questa inaccettabile vicenda, dovrà fare.” “Una storia che sembrerebbe incredibile, considerato quanto venga solitamente glorificata, da parte di chi sovrintende il tutto, la sanità nostrana in quanto ad efficienza-sottolinea il rappresentante del Carroccio-ed invece, purtroppo, la realtà delle cose è sotto gli occhi di tutti.” “Insomma-conclude Manuel Vescovi-vogliamo rispettare maggiormente gli individui, permettendo loro di svolgere, ad esempio, degli esami strumentali, in ospedale, non in tempi biblici? Chiediamo forse troppo?