MASSA: Fare chiarezza sulle tempistiche di riutilizzo di un macchinario per la risonanza magnetica

Da fonti giornalistiche-afferma Manuel Vescovi, Capogruppo in Consiglio regionale della Lega Nord e membro della Commissione Sanità-ho appreso, con stupore, della vicenda legata ad un macchinario utile per la risonanza magnetica che è tuttora inutilizzato presso il vecchio ospedale di Massa.” “Considerato che, come riportato dalla stampa-precisa il Consigliere-si determinerà un differimento nello spostamento all’ospedale di Carrara dove potrebbe tornare ad essere usato per la normale diagnostica, ho predisposto uno specifico atto indirizzato al Presidente Rossi in cui chiedo quali contromisure siano state adottate dall’Asl competente per evitare eventuali problemi al macchinario, stante il lungo periodo d’inattività.” “Inoltre-sottolinea l’esponente leghista-penso sia opportuno sollecitare il Direttore dell’Asl Toscana Nord-Ovest, affinchè garantisca che vengano ridotte sensibilmente le tempistiche di messa in opera di tale strumento, anche alla luce delle lunghe liste di attesa per le visite inerenti alla risonanza magnetica.” “Oltre a ciò-rileva Vescovi-considerato il protrarsi dei lavori per la realizzazione dell’idoneo locale presso il nosocomio carrarese, non sia, dunque, il caso di spostare, intanto, il macchinario presso altra Azienda sanitaria che possa metterlo immediatamente a disposizione dei pazienti.” “Insomma-conclude Manuel Vescovi-considerata la penuria di strumentazioni segnalata da alcuni ospedali, sarebbe davvero il caso di non lasciare abbandonata a se stessa la risonanza che giace melanconicamente a Massa.