LIVORNO: Ospedale disorganizzato nonostante l’impegno di medici e paramedici

Ho deciso-afferma Manuel Vescovi, Capogruppo in Consiglio regionale della Lega Nord e membro della Commissione Sanità-di fare una visita a sorpresa presso l’ospedale di Livorno, poiché ritengo che presentarsi in incognito sia il modo migliore per conoscere le reali problematiche.” “Ho così visitato-rileva il Consigliere-un caotico Pronto Soccorso ed un paio di reparti, rendendomi conto di quali siano le palesi criticità di una struttura che è molto fatiscente ed inadeguata.” “Encomiabile-sottolinea l’esponente leghista-l’impegno profuso dal personale sanitario e dai volontari che cercano di ridurre al minimo le carenze che il paziente deve lungamente sopportare.” “Ritengo-precisa il rappresentante del Carroccio-che sia fondamentale dotare la città labronica di una nuova struttura ospedaliera che tenga conto delle reali esigenze degli utenti; la gente è ormai, ahimè, abituata a doversi sobbarcare ore di attesa in un Pronto Soccorso che dovrebbe dare risposte in tempi più rapidi e non portare allo sfinimento, malati e familiari che sono già provati anche dal punto di vista psicologico.” “Insomma-conclude Manuel Vescovi-dopo aver trascorso alcune ore all’interno dell’ospedale livornese, sono ancora più convinto che la politica debba frequentare questi luoghi in modo del tutto anonimo, toccando con mano le normali vicissitudini di chi, purtroppo, deve recarsi in un ospedale pubblico.